+ 2,7 gradi e piogge dimezzate a settembre

In tilt dieta mediterranea, da frutta a verdura, da vino a olio

Le zanzare sono ancora in circolazione alla fine di un mese di settembre che ha sconvolto la natura con una temperatura massima superiore di 2,7 gradi rispetto alla media che ha mandato completamente in tilt la frutta e verdura in campo e tagliato le coltivazione base della dieta mediterranea, dal vino (-10 per cento) all’olio fino al pomodoro (-20 per cento). E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti che evidenzia una temperatura massima in Italia attorno ai 27 gradi, ( 2,7 in piu’ rispetto alla media del periodo di riferimento 1971-2000), sulla base di elaborazioni su dati Ucea relativi alle prime due decadi di settembre, che secondo il presidente della Societa’ meteorologica italiana Luca Mercalli si classifica al nord come il piu’ caldo degli ultimi 150anni.

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – sottolinea la Coldiretti – sono piu’ che dimezzate le precipitazioni e per salvare le piante da frutta dallo stress provocato dal caldo torrido e dall’assenza di pioggia al nord  è stato necessario ricorrere straordinariamente all’irrigazione di soccorso per kiwi, mele e pere in un mese in cui normalmente l’acqua è garantita dal cielo. Il settembre di sole ha aiutato peraltro la maturazione perchè aumenta la concentrazione zuccherina rendendo piu’ gustosa la frutta. Mentre il raccolto delle tradizionali verdure autunnali come radicchio, verze e cavoli sarà anticipato e gli agricoltori stanno pensando ad una nuova semina per garantire le forniture invernali.

Anche la vendemmia – continua la Coldiretti – è già praticamente finita con grande anticipo per le uve bianche in pianura e la produzione complessiva di vino si prevede al minimo storico di 42 milioni di ettolitri, oltre il 10 per cento in meno rispetto allo scorso anno. Se l’Italia ha perso il primato quantitativo a favore della Francia, la qualità del raccolto è però – precisa la Coldiretti – molto buona per la presenza di uve sane anche se con resa contenuta.

Per l’olio di oliva le attese dal punto di vista qualitativo  sono complessivamente favorevoli ma il caldo ha influito sullo sviluppo colturale, determinando alcune situazioni di stress più evidenti, per il momento al Centro e al Nord, che fanno prevedere una riduzione delle rese. Nelle zone vocate del Mezzogiorno (Puglia, Calabria, Sicilia) la situazione è a macchia di leopardo, con aree maggiormente esposte agli effetti legati alle alte temperature di fine estate.

Il caldo di fine estate ha provocato – continua la Coldiretti – un forte stress sulle piante di pomodoro e secondo le stime recenti la produzione complessiva di pomodoro da destinare a polpe e passate sarà di buona qualità ma non dovrebbe superare i 45 milioni di quintali, con una riduzione di oltre il 20 per cento anche per effetto della riduzione delle superfici messe a coltura, rispetto allo scorso anno. Il riso sta raggiungendo la maturazione anzitempo con una riduzione di resa per il caldo che arriva in certe zone a intorno al 20 per cento anche se l’Italia manterrà la leadership produttiva a livello europeo. In tilt i frutti autunnali con previsioni fosche al momento per i tartufi e funghi che crescere rigogliosi richiedono come condizioni ottimali terreni umidi senza piogge torrenziali e una buona dose di sole e 18-20 gradi di temperatura all’interno del bosco, mentre è già abbondantemente iniziata con anticipo la raccolta  delle castagne e ci sono – conclude la Coldiretti – tutte le premesse di una buona qualità

IL SETTEMBRE BOLLENTE CHE SCONVOLGE LA NATURA 

Vino:                           anticipo di 15 giorni della vendemmia, buona qualità  e calo oltre il 10 % dei raccolti con perdita del primato produttivo mondiale a vantaggio della Francia

Olio                            riduzione delle rese e buona qualità

Riso                           maturazione anticipata e riduzione delle rese fino al 20 per cento

Frutta                          necessaria irrigazione di soccorso per kiwi, mele e pere al nord ma- sottolinea la Coldiretti – piu’ gusto per aumento concentrazione zuccherina

Verdure                      anticipo maturazione al nord per le verdure autunnali come radicchio, cavoli e verze. Si pensa a risemina invernale

Pomodoro                 calo del 20 per cento del raccolto e buona qualità per polpe e passate

Funghi e tartufi          difficili da trovare ma si spera nella pioggia di ottobre

Castagne                  maturate in forte anticipo e di buona qualità

Fonte: Elaborazioni Coldiretti
Print Friendly, PDF & Email